Sento il tuo disordine
e lo comparo al mio. C’è
somiglianza. C’è lo stesso slabbro
di ferite identiche. C’è tutta la voglia
di un passo largo in una terra
sgombra che non troviamo.
Sento il tuo respiro schiacciato
lo sento somigliante
ti sento piano morire
come me che non controllo
l’accensione del sangue.

[...]
M. Gualtieri, 
 "Senza polvere e senza peso", 
 Einaudi, 2006

Commenti

Post più popolari

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *